COME SI MISURA LA FIBRILLAZIONE ATRIALE

Per oltre un terzo dei casi, la Fibrillazione Atriale rimane asintomatica e non è diagnosticata.

È quindi indispensabile un approccio proattivo che permetta di generare il sospetto di Fibrillazione Atriale.

È importante controllare le palpitazioni cardiache attraverso la palpazione del polso o effettuando una misurazione della Pressione Arteriosa con un misuratore di pressione con rilevazione della Fibrillazione Atriale idoneo e clinicamente validato.

Generare il sospetto di aritmia con lo screening Fibrillazione Atriale è importante, ma deve essere seguito dal controllo del medico che effettuerà gli accertamenti necessari per giungere alla diagnosi della Fibrillazione Atriale e prescriverà gli idonei trattamenti.

COME CONTROLLARE IL BATTITO AL POLSO

È possibile controllare la presenza o meno di una possibile Fibrillazione Atriale con la palpazione del polso, ma è fondamentale saperlo fare, bisogna disporre della necessaria manualità, capacità e sensibilità. Qualora questa pratica risultasse complessa o difficilmente realizzabile è consigliabile utilizzare un idoneo misuratore di pressione specificatamente previsto per la rilevazione della Fibrillazione Atriale.

 

Effettuare la palpazione del polso come segue:

– restare a riposo per almeno 5 minuti

– tenere una delle mani con il palmo rivolto verso l’alto e piegare leggermente il gomito

– con l’altra mano posizionare il dito indice e medio sul polso cercando il punto in cui si avverte il sollevamento intermittente della pelle e facendo una leggera pressione

– con un orologio contare i battiti per 30 secondi e moltiplicarli per 2 per ottenere la frequenza cardiaca

 

In quali casi consultare il medico:

– quando la frequenza è molto maggiore o minore rispetto al battito abituale

– quando l’intensità della pulsazione non è sempre uguale

– quando l’intervallo tra una pulsazione e l’altra non è costante (polso irregolare)

COME CONTROLLARE LA FIBRILLAZIONE ATRIALE CON UN MISURATORE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

È possibile effettuare il controllo della Fibrillazione Atriale solo con misuratori della pressione previsti dal produttore per questa destinazione d’uso che deve essere ben specificata sulla scatola e nel manuale d’uso.

Attenzione: la funzione per la rilevazione del battito irregolare (IHB Irregular Heart Beat) o di generiche aritmie non è idonea per il controllo della Fibrillazione Atriale. È infatti stato dimostrato che questi algoritmi non rilevano circa il 70% delle Fibrillazioni Atriali.

 

È altresì importante, per limitare il più possibile falsi allarmi o mancate rilevazioni della Fibrillazione Atriale, che il misuratore della pressione sia stato testato da medici indipendenti nelle diverse situazioni d’uso (clinico, domiciliare, ecc), secondo rigidi protocolli e con lavori pubblicati su importanti riviste scientifiche.

 

Ad oggi l’unica tecnologia clinicamente testata e validata per la rilevazione della Fibrillazione Atriale è quella di Microlife AFIB con 10 lavori scientifici pubblicati.*

 

Effettuare la misurazione della pressione come raccomandato nella sezione COME SI MISURA LA PRESSIONE ARTERIOSA e seguire le istruzioni riportare nel manuale d’uso.

 

*L’informazione potrebbe non essere aggiornata e potrebbero essere disponibili nuove evidenze scientifiche per altre tecnologie. Si raccomanda di chiedere, al momento dell’acquisto di prodotti con altre tecnologie, la disponibilità di studi clinici pubblicati (no test interni) che dimostrino l’accuratezza del dispositivo alla rilevazione della Fibrillazione Atriale.

COSA FARE SE RILEVO UNA POSSIBILE FIBRILLAZIONE ATRIALE CON UN MISURATORE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Quando si effettua un controllo pressione arteriosa, qualora venisse rilevata una possibile Fibrillazione Atriale è necessario comportarsi come segue:

– se non si avverte alcun disturbo effettuare il controllo della regolarità del polso attraverso la palpazione dell’arteria radiale e un’altra misurazione dopo 1 ora. Se confermata la Fibrillazione Atriale, comunicare subito l’accaduto al medico o farlo con calma se questa non venisse confermata;

– se si avvertono disturbi (lieve mancanza di respiro, stanchezza inusuale, senso di cuore che batte troppo rapidamente, ecc.) avvisare subito il medico.

 

Generato il sospetto di Fibrillazione Atriale con lo screening è importante rivolgersi al proprio medico che effettuerà i necessari accertamenti, come l’elettrocardiogramma, per diagnosticare questa condizione di rischio e prescrivere i trattamenti più adeguati.

POSSIBILI ERRORI NELLA RILEVAZIONE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE CON UN MISURATORE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Come indicato nella sezione “COME CONTROLLARE LA FIBRILLAZIONE ATRIALE CON UN MISURATORE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA”, è fondamentale utilizzare per la rilevazione di una possibile Fibrillazione Atriale un misuratore della pressione specificatamente previsto per questo utilizzo e clinicamente validato.

Tutti i dati scientifici disponibili al momento fanno riferimento alla tecnologia per la rilevazione della Fibrillazione Atriale di Microlife AFIB che è in grado di rilevare questa aritmia con una accuratezza del 97-100%. 1,2 *

La documentazione scientifica e la pratica di tutti i giorni hanno confermato l’assoluta affidabilità di questa tecnologia per lo screening della Fibrillazione Atriale ma non sono da escludere possibili errori o inconvenienti come i seguenti.

 

Rilevazione di una possibile Fibrillazione Atriale che non viene confermata dal medico (falso positivo)

  • Potrebbe essere una Fibrillazione Atriale Parossistica, va e viene e non è presente quando si va dal medico. Portare con sé il misuratore della pressione e verificare, contemporaneamente all’elettrocardiogramma, la presenza o meno della Fibrillazione Atriale.
  • Potrebbero esserci altre aritme con un battito simile alla Fibrillazione Atriale
  • Potrebbero esserci stati errori durante la misurazione.

 

Non rilevazione di una possibile Fibrillazione Atriale (falso negativo)

  • La Fibrillazione Atriale potrebbe avere un ritmo cardiaco apparentemente regolare (ritmo Sinusale) e quindi non rilevata
  • Il paziente è un portatore di pacemaker o di defibrillatore

 

1 Stergiou GS, Karpettas N, Protogerou A, Nasothimiou EG, & Kyriakidis M. Diagnostic accuracy of a home blood pressure monitor to detect atrial fibrillation. J Hum Hyperten 2009; 1-5.
2 Wiesel J, Fitzig L, Herschman Y, & Messineo FC Detection of Atrial Fibrillation Using a Modified Microlife Blood Pressure Monitor. Am J Hypertens 2009; 848-852.

 

*L’informazione potrebbe non essere aggiornata ed essere disponibili nuove evidenze scientifiche per altre tecnologie. Si raccomanda di chiedere al momento dell’acquisto di prodotti con altre tecnologie la disponibilità di studi clinici pubblicati (no test interni) che dimostrino l’accuratezza del dispositivo alla rilevazione della Fibrillazione Atriale.

CONTROINDICAZIONE ALLA RILEVAZIONE DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE CON UN MISURATORE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA

Lo screening della Fibrillazione Atriale non è indicato in donne in gravidanza o persone giovani, di età inferiore ai 35 anni, per le seguenti ragioni:

  • bassa prevalenza della Fibrillazione Atriale < 0,1 %;
  • controindicazioni al trattamento della donna in gravidanza, anche in presenza di Fibrillazione Atriale;
  • alta probabilità di avere un falso positivo a causa di battiti prematuri o aritmie respiratorie sinusali.

Lo screening della Fibrillazione Atriale non è raccomandato anche in pazienti portatori di pacemaker o di defibrillatore.

Top