Magazine Ipertensione Arteriosa

Le domande più frequenti su pressione alta e Fibrillazione Atriale

Cos’è l’Ipertensione Arteriosa?

Quando durante la visita medica la pressione massima è uguale a, o supera, i 140 mmHg o la minima i 90 mmHg la pressione è alta e potrebbe essere Ipertensione Arteriosa. Le malattie causate dall’Ipertensione Arteriosa sono:

  • Infarto cardiaco
  • Scompenso cardiocircolatorio
  • Fibrillazione Atriale
  • ICTUS cerebrale
  • Insufficienza renale
  • Sfiancamento/rottura dell’aorta
  • Occlusione delle arterie degli arti inferiori.

Nella maggioranza dei pazienti la causa dell’innalzamento della pressione è sconosciuta (Ipertensione essenziale o primitiva), mentre sono noti alcuni fattori, oltre all’età, che aumentano le probabilità di essere Ipertesi o di diventarlo:

  • Uno o entrambi i genitori Ipertesi
  • Eccessivo consumo di sale
  • Sovrappeso od obesità
  • Sedentarietà
  • Uso di farmaci o sostanze che possono aumentare la pressione (pillola contraccettiva, farmaci antinfiammatori, cortisonici, vasocostrittori nasali, anfetamine, cocaina, etc.).

Più alta è la pressione, maggiore è il rischio di malattie cardiovascolari.

Perché controllare la Pressione Arteriosa?

La pressione è la forza esercitata dal sangue sulle pareti arteriose durante la circolazione. La pressione “MASSIMA” o sistolica corrisponde al momento della contrazione cardiaca. La pressione “MINIMA” o diastolica corrisponde al momento di riposo del cuore. Nel mondo gli Ipertesi sono circa 1 miliardo e mezzo mentre in Italia sono oltre 15 milioni. Ogni anno muoiono per Malattie Cardiovascolari dovute alla pressione alta: 280.000 persone in Italia / 8-8,5 milioni di persone nel mondo. Nella maggioranza dei casi l’Ipertensione arteriosa non dà disturbi e spesso i sintomi si presentano solo dopo molti anni, quando l’Ipertensione ha già provocato danni all’organismo. Solo la misurazione regolare della Pressione Arteriosa permette di diagnosticare l’Ipertensione e di verificare l’efficacia della terapia nella prevenzione delle complicanze cardiovascolari. In Italia solo 1 persona su 4 ha la pressione ben curata.

ipertensione arteriosa

Come misurare la Pressione Arteriosa?

L’Ipertensione Arteriosa è tra i maggiori fattori di rischio delle Malattie Cardiovascolari e dell’ICTUS: sono è asintomatica e non viene diagnosticata in tempo, esponendo il paziente ad inutili rischi, per questo va controllata con regolarità dal Medico, in Farmacia e a casa.

La misurazione della pressione deve seguire alcuni semplici passaggi:

  • Essere a riposo da almeno cinque minuti
  • Non bere caffè o fumare per almeno mezz’ora
  • Non indossare indumenti stretti alla vita e al braccio
  • Sedere comodamente, ben appoggiati allo schienale
  • Non incrociare in alcun modo le gambe o i piedi
  • Misurare la pressione sul braccio dove la pressione è più alta.
  • Se possibile effettuare, dal Medico o in Farmacia, la misurazione contemporanea della Pressione Arteriosa ad entrambe le braccia per determinare il proprio “braccio dominante”
  • Appoggiare il braccio sul tavolo, circa all’altezza del cuore
  • Avvolgere il bracciale in modo corretto intorno al braccio (vedere le istruzioni dell’apparecchio) facendo attenzione che questo sia della dimensione adeguata
  • Misurare una prima volta la pressione dopo essere stato seduto col braccio appoggiato al tavolo da almeno un minuto
  • Effettuare almeno una seconda misurazione con una pausa non inferiore ai 15 secondi tra una misurazione e l’altra
  • Se l’apparecchio non memorizza i risultati o viene utilizzato da più persone in famiglia registrarli subito su un foglio. Per avere dei dati attendibili bisogna fare le medie di più valori.
  • Fare le misurazioni al mattino e alla sera prima di assumere i farmaci per la pressione e prima di mangiare
  • Effettuare le misurazioni per sette giorni di seguito.

La misurazione della pressione arteriosa deve essere eseguita nell’ambito del controllo del Medico. In base ai valori medi dell’ultima serie di misurazioni il Medico indicherà quando eseguire il prossimo controllo. In caso di disturbi di vario tipo (debolezza, testa leggera, capogiri, ecc.) se si teme dipendano dalla pressione, effettuare la misurazione mentre è presente il disturbo e comunicare poi i valori al Medico.

Cosa fare per prevenire l’Ipertensione Arteriosa?

Con una vita sana e evitando comportamenti dannosi:

  • Alimentarsi correttamente
  • Fare attività fisica regolare come camminare a passo svelto o andare in bicicletta per almeno 30 minuti al giorno, per almeno 4 volte la settimana
  • Fare attenzione a non ingrassare; in caso di sovrappeso ridurre il peso con una dieta equilibrata e facendo attività fisica
  • Ridurre l’assunzione di sale evitando i cibi salati e l’uso di sale a tavola
  • Non fumare
  • Non abusare di alcol e droghe.

Come curare l’Ipertensione Arteriosa?

L’Ipertensione Arteriosa e le conseguenze ad essa correlate possono essere curate o tenute sotto controllo soprattutto se diagnosticate in tempo. L’aderenza alla terapia, ovvero l’assunzione continuativa e regolare del farmaco prescritto dal Medico, è un fattore fondamentale per il successo del trattamento. Non variare mai la cura, il farmaco, la posologia, la frequenza d’assunzione, ecc. al di fuori della prescrizione del Medico. Per maggiori informazioni in merito alle opzioni di trattamento chiedi al tuo Medico Curante.

Potrebbe interessarti anche...

PRESSIONE ALTA E FREDDO… È VERO CHE IL FREDDO FA SALIRE LA PRESSIONE?

PRESSIONE ALTA E FREDDO… È VERO CHE IL FREDDO FA SALIRE LA PRESSIONE?

Il freddo causa un restringimento dei vasi arteriosi e di conseguenza può provocare un aumento dei valori della pressione

Leggi l'articolo
PALPITAZIONI AL CUORE: COSA SONO, SINTOMI, CAUSE

PALPITAZIONI AL CUORE: COSA SONO, SINTOMI, CAUSE

Le palpitazioni si possono avvertire sia in condizioni di riposo, sia in movimento a livello della gola, del collo e, in generale, del torace

Leggi l'articolo
IPERTENSIONE E CALDO: COME COMPORTARSI

IPERTENSIONE E CALDO: COME COMPORTARSI

Come mai il caldo crea problematiche nei pazienti ipertesi?

Leggi l'articolo