Magazine Ipertensione Arteriosa, Pressione Arteriosa

L’estate rappresenta gioia e dolori per le persone che soffrono di Ipertensione: se da un lato, infatti, l’aumento delle temperature può far calare i valori di massima e minima durante il giorno, dall’altro è necessario prestare attenzione per evitare cali pressori eccessivi, proteggendosi dal caldo e dalle giornate afose, soprattutto quando si assumono farmaci anti-ipertensivi.

Oggi si parla infatti di stagionalità dell’Ipertensione: da varie ricerche risulta che la Pressione (sia sistolica che diastolica) aumenti lievemente in inverno, si abbassi in estate e si assesti su valori intermedi in autunno e primavera. Questo fenomeno sembra più accentuato negli anziani, il ruolo chiave sembra averlo, la vasodilatazione arteriosa, chiamata anche cutanea, indotta dal caldo, il quale provoca una diminuzione delle resistenze vascolari periferiche e la riduzione del volume del sangue in circolazione legata alla sudorazione eccessiva ed alla perdita di liquidi e di sodio, che non vengono reintegrati in modo sufficiente, soprattutto nei pazienti anziani che notoriamente bevono poco. Inoltre è sempre durante l’estate che aumenta maggiormente la pressione notturna e questo potrebbe essere attribuito ad una qualità del sonno peggiore a causa del clima afoso e all’utilizzo eccessivo di aria condizionata, sia di giorno che di notte che influenza una maggiore variabilità della Pressione nell’arco delle 24 ore. I pazienti ipertesi e cardiopatici sono particolarmente suscettibili agli effetti negativi del caldo e possono manifestare episodi di Ipotensione Arteriosa, ovvero una diminuzione della Pressione Arteriosa, soprattutto nel passaggio da una posizione sdraiata ad una posizione eretta.

I repentini abbassamenti dei valori pressori possono determinare sintomi piuttosto fastidiosi come stanchezza, nausea, affaticamento, gambe deboli, vista offuscata, vertigini e nei casi più gravi a veri e propri collassi.  Se tali fenomeni si verificano di frequente e con una certa intensità è necessario contattare il medico che sarà in grado di fornire i giusti consigli sulle modalità di intervento.

Una domanda che può sembrare banale ma che sorge spontanea è come mai il caldo crea problematiche nei pazienti ipertesi?

Il caldo può aumentare esponenzialmente l’effetto di molti farmaci utilizzati per la cura dell’Ipertensione Arteriosa e di molte malattie cardiovascolari. Durante la stagione calda è opportuno, quindi, effettuare un controllo autonomo più assiduo della Pressione Arteriosa, tramite dispositivi clinicamente validati, precisi e affidabili e richiedere il parere del medico curante per eventuali aggiustamenti della terapia (soprattutto per dosaggio e tipologia di farmaci).

CONSIGLI PRATICI

Il primo consiglio è indubbiamente quello di bere molta acqua, almeno 1 litro al giorno, per reidratarsi e contrastare la perdita dei liquidi e sali minerali causati dalla sudorazione evitando bevande fredde, alcoliche, zuccherate, gassate. Anche bagnarsi spesso con acqua fresca le mani, i polsi, le caviglie, i piedi, il viso, ed il collo aiuta il corpo alla reidratazione e a ritrovare una sensazione di benessere.

 In secondo luogo è fondamentale evitare di esporsi direttamente ai raggi solari coprendosi il capo, vestirsi in modo leggero per facilitare la termoregolazione e in particolar modo di praticare sport o sforzi fisici nelle ore più calde della giornata: in particolare evitare le ore più calde tra le 12 e le 18.

Un altro importante consiglio è quello di aumentare il consumo di cibi freschi, in particolare frutta, anche secca, e verdura (ricchi in acqua e potassio come le albicocche, i pomodori, i cetrioli, l’anguria, il melone e le banane), anche sotto forma di frullati o centrifugati, assumere pasti leggeri e conservare correttamente i cibi. Preferire il pesce alla carne e i formaggi freschi a quelli stagionati.

Altre fondamentali misure preventive sono:

  • misurare frequentemente la Pressione, possibilmente a domicilio con apparecchi al braccio, facili ma precisi e affidabili, come Microlife AFIB Advanced Easy;
  • porre grande attenzione alla presenza di sintomi legati ad Ipotensione come spossatezza, giramenti di testa, sudorazione, sensazione di svenimento;
  • evitare di alzarsi velocemente dal letto, che potrebbe portare anche perdita di coscienza (sincope) e abituarsi a passare dalla posizione sdraiata a quella seduta e, dopo qualche istante, alla posizione eretta). Se bisogna alzarsi dal letto, soprattutto nelle ore notturne, è necessario non farlo mai bruscamente, ma fermarsi in posizioni intermedie (esempio: seduti al bordo del letto per alcuni minuti) prima di alzarsi in piedi;
  • dormire con le gambe sollevate su di un cuscino, in quanto come già detto, il caldo rallenta la circolazione e favorisce il ristagno di liquidi negli arti inferiori causando abbassamenti di pressione;
  • utilizzare un ventilatore, o un condizionatore ove sia possibile.

Qualora ce ne fosse bisogno e sempre sotto controllo medico, andrebbe ridotta la terapia antipertensiva, riducendo il dosaggio dei farmaci stessi e in alcuni casi nei pazienti con ipertensione notturna spostare l’assunzione delle medicine alla sera anziché di giorno.

Potrebbe interessarti anche...

GIORNATA MONDIALE CONTROL’IPERTENSIONE: LINEE GUIDA PER PREVENIRLA

GIORNATA MONDIALE CONTROL’IPERTENSIONE: LINEE GUIDA PER PREVENIRLA

La Giornata mondiale dell'Ipertensione è un occasione importante per prevenire la pressione alta. Vai in farmacia e controlla la pressione gratuitamente!

Leggi l'articolo
COSA FARE IN CASO DI PRESSIONE BASSA

COSA FARE IN CASO DI PRESSIONE BASSA

In caso di pressione bassa o ipotensione è importante prevenire e cercare di evitare comportamenti e situazioni che possono scatenarla. Scopri come

Leggi l'articolo
LINEE GUIDA ALLA SCELTA DEL BRACCIALE PER LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE

LINEE GUIDA ALLA SCELTA DEL BRACCIALE PER LA MISURAZIONE DELLA PRESSIONE

La precisione di un misuratore di pressione dipende anche dalla qualità ed efficienza del bracciale: se piccolo o largo può provocare importanti errori. Scopriamo di più

Leggi l'articolo