Magazine ICTUS

L’ICTUS emorragico è il risultato della rottura di un vaso sanguigno a livello del cervello. Si tratta dell’ICTUS meno frequente ma più pericoloso.
Le cause possono essere differenti:

  • improvviso aumento della Pressione Arteriosa (in questo caso si verifica spesso un’emorragia cerebrale)
  • rottura di un aneurisma, cioè di una porzione della parete di un’arteria malformata
  • alterata coagulazione del sangue, per esempio dopo un trattamento con farmaci anticoagulanti.

L’aneurisma cerebrale è quindi una delle possibili cause di ICTUS emorragico.

Aunerisma celebrale

L’Aneurisma è una piccola area della parete di un’arteria cerebrale, danneggiata ed indebolita che si dilata formando una “sacca”. In seguito a sollecitazioni della Pressione Arteriosa, l’aneurisma può crescere e rompersi provocando una fuoriuscita di sangue e causando una Emorragia Subaracnoidea.

Gli aneurismi più piccoli di solito non danno sintomi. Ma se questi si ingrandiscono, possono causare cefalea; e se diventano molto grandi, possono comprimere il tessuto cerebrale o i nervi adiacenti, con disturbi della visione, formicoli o debolezza agli arti, problemi di memoria, disturbi della parola e crisi convulsive.

La rottura di un aneurisma è molto pericolosa perché causa un’emorragia cerebrale spesso fatale. Il sintomo più comune è un mal di testa forte e improvviso, come «una pugnalata alla testa», nausea, vomito, rigidità alla testa e anche perdita di coscienza. Non si conosce l’esatta causa del sanguinamento di un aneurisma né si può prevedere la sua rottura. Le seguenti condizioni aumentano il rischio di sanguinamento:

  • Aumento della pressione arteriosa in seguito ad uno sforzo o ad una forte emozione
  • Farmaci anticoagulanti oppure l’utilizzo di droghe

Si stima che una persona ogni 15 conviva con un aneurisma cerebrale senza saperlo, ma il rischio di rottura è molto basso se l’aneurisma ha un diametro sotto il centimetro.

Terapie e interventi

  • Terapia medica: se ci si trova di fronte ad aneurismi piccoli, non rotti che non producono sintomi elevati possono essere controllati e trattati solo se tendono a crescere, causano sintomi clinici oppure si rompono. In questi casi è molto importante un abituale monitoraggio della Pressione Arteriosa e un controllo annuale della colesterolemia così come indagini strumentali periodiche per controllare eventuali variazioni di dimensione e forma.
  • Intervento Neurochirurgico: il paziente è posto in anestesia generale e viene praticata una piccola apertura nel cranio; parte del tessuto cerebrale viene delicatamente spostato e l’aneurisma esposto chirurgicamente. Per un intervento senza complicazioni la degenza in ospedale è di circa sette giorni. Una ripresa completa si ha normalmente entro 4-6 settimane.
  • Intervento Endovascolare: l’aneurisma può essere trattato dall’interno del vaso. Questa procedura inizia con un’angiografia, ovvero mediante un micro-catetere che viene introdotto attraverso le arterie all’interno dell’aneurisma. La degenza in ospedale dopo l’intervento senza complicanze è usualmente di circa 7 giorni.

Possibili complicanze del trattamento di un aneurisma

Fino a quando l’aneurisma non è stato completamente espulso dal circolo ematico, c’è sempre il rischio di nuovi sanguinamenti, causa di ulteriori danni cerebrali. Il trattamento dell’aneurisma presenta dei rischi di mortalità e di danni cerebrali, sovrapponibili per le due modalità di trattamento, i quali possono presentarsi come: debolezza o paralisi agli arti, difficoltà nel parlare o nel comprendere il linguaggio, perdita della vista, dell’olfatto, confusione, perdita della memoria e/o crisi convulsive.

La prevenzione rimane sempre l’arma fondamentale contro l’ICTUS. Un esempio? L’80% degli ICTUS si verifica nelle persone ipertese. Ecco perché controllare e abbassare la pressione sanguigna è la prima mossa da mettere in atto insieme ad uno stile di vita salutare, all’eliminazione del fumo e al controllo del peso.

Potrebbe interessarti anche...

L’ICTUS PUO’ ESSERE EREDITARIO?

L’ICTUS PUO’ ESSERE EREDITARIO?

Si può incorrere in ICTUS fino al 60% in più in presenza di un'ostruzione improvvisa o di rottura di un vaso sanguigno quando ci sono fratelli che hanno avuto un ICTUS: ereditarietà o predisposizione familiare?

Leggi l'articolo
LE RACCOMANDAZIONI DELLE ULTIME LINEE GUIDA EUROPEE SULLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

LE RACCOMANDAZIONI DELLE ULTIME LINEE GUIDA EUROPEE SULLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Le linee guida europee per la prevenzione delle malattie cardiovascolari spiegate dal dott. Ermini

Leggi l'articolo
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2021

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2021

Il 29 Ottobre 2021 sarà il World Stroke Day, ovvero la Giornata Mondiale contro l’ICTUS. Questa giornata ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sull’ICTUS e di sensibilizzare sulla prevenzione

Leggi l'articolo