Magazine Fibrillazione Atriale

2 ICTUS su 3, potrebbero essere evitati con stili di vita adeguati ed individuando alcuni importanti fattori di rischio come la Pressione Arteriosa, la Fibrillazione Atriale, il diabete o l’ipercolesterolemia. Le persone con un profilo di rischio elevato possono prevenire l’ICTUS con trattamenti mirati e personalizzati. Gli individui che presentano Fibrillazione Atriale hanno un rischio di ICTUS superiore da 3 a 5 volte rispetto ai pazienti senza Fibrillazione Atriale. La mortalità e l’invalidità sono superiori nei casi di ICTUS associato alla Fibrillazione Atriale rispetto a quelli senza.

Il rischio di essere colpiti da Fibrillazione Atriale è del 25% in persone oltre i 40 anni, ovvero 1 persona su 4. In Italia sono oltre 1.000.000 le persone diagnosticate affette da Fibrillazione Atriale. Se si considerassero anche i casi non diagnosticati questo numero probabilmente raddoppierebbe.

I sintomi più comuni della Fibrillazione Atriale sono le palpitazioni, la difficoltà nel respirare sotto sforzo (dispnea), il facile affaticamento (astenia), i forti giramenti di testa, lo svenimento (sincope) o una sensazione di costrizione retro sternale. Oltre il 90% degli episodi di Fibrillazione Atriale sono però asintomatici e molte persone affette da Fibrillazione Atriale non presentano sintomi specialmente quando la frequenza cardiaca non è eccessiva. La Fibrillazione Atriale asintomatica è particolarmente pericolosa perché la persona che ne soffre non viene avvertita dal proprio corpo e averla senza sentirla, vuol dire non curarla, aumentando notevolmente il rischio ICTUS.

Le caratteristiche associate ad elevato rischio di Fibrillazione Atriale sono:

  • Età oltre i 65 anni
  • Ipertensione
  • Obesità
  • Diabete
  • Problemi cardiaci
  • Disfunzione tiroidea
  • Apnee notturne
  • Broncopatie croniche ostruttive
  • Insufficienza renale
  • Abuso di bevande alcoliche e cocaina

Purtroppo oltre il 10% degli ICTUS, più della metà di quelli provocati da Fibrillazione Atriale, è causato da Fibrillazione Atriale asintomatica, ed in questi casi viene scoperta solo dopo l’ICTUS.

E’ possibile iniziare fin da subito a fare prevenzione ICTUS con il misuratore di pressione con rilevazione della Fibrillazione Atriale. Esistono misuratori, come il Microlife AFIB, con tecnologia validata a livello internazionale la quale permette con alte prestazioni lo screening della Fibrillazione Atriale, sia comodamente a casa che in presenza del proprio medico.

Le persone a rischio Fibrillazione Atriale sono le stesse a cui è raccomandata l’automisurazione domiciliare della Pressione Arteriosa. Per questo motivo lo screening della Fibrillazione Atriale dovrebbe essere raccomandato a tutti.

Potrebbe interessarti anche...

FIBRILLAZIONE ATRIALE E TIROIDE, UNA CORRELAZIONE ORMAI DIMOSTRATA

FIBRILLAZIONE ATRIALE E TIROIDE, UNA CORRELAZIONE ORMAI DIMOSTRATA

Due studi indipendenti hanno dimostrato la correlazione tra funzione tiroidea e Fibrillazione Atriale

Leggi l'articolo
MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E SCREENING DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E SCREENING DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

Il prof. Omboni spiega le potenzialità di uno screening sistematico della Fibrillazione Atriale dei soggetti a rischio tramite misurazione automatica della pressione

Leggi l'articolo
COME RILEVARE UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE ASINTOMATICA NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA

COME RILEVARE UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE ASINTOMATICA NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA

Una dieta appropriata, la sospensione del fumo di sigarette ed un’attività fisica adeguata costituiscono i pilastri di questo stile di vita salutare, ce lo spiega il Dott. Ermini

Leggi l'articolo