Magazine Fibrillazione Atriale

Le disfunzioni della tiroide e nello specifico l’ipertiroidismo sono da sempre associati a varie patologie come l’Ipertensione, l’insufficienza cardiaca, la Fibrillazione Atriale e in generale a malattie cerebrovascolari.

La funzione tiroidea viene valutata clinicamente misurando la tireotropina, che regola i livelli di ormone tiroideo (tiroxina libera – FT4 e triodotironina -FT3), entrambi prodotti dall’ipofisi. Si parla di ipertiroidismo quando ci sono bassi livelli di tireotropina sierica (TSH) e si parla di ipotiroidismo con alti livelli di tireotropina.

Nel 2019 sono stati pubblicati su Jama due studi genetici indipendenti molto importanti che hanno individuato un rapporto causale tra funzione tiroidea e Fibrillazione Atriale.
Il primo studio a cui facciamo riferimento è quello pubblicato da Christina Ellervik e i suoi colleghi del Boston Children’s Hospital e della Harvard Medical School: il gruppo guidato dalla Ellervik ha condotto un’analisi sulla randomizzazione mendeliana incentrata sulla funzione tiroidea e sulla Fibrillazione Atriale, per comprendere se i punteggi di rischio genetico associati alla funzione tiroidea fossero anche associati al rischio di Fibrillazione Atriale.

È emerso che gli aumenti geneticamente previsti di FT3/ FT4 non erano associati a maggiori probabilità di Fibrillazione Atriale, mentre aumenti geneticamente previsti della tireotropina geneticamente aumentata (TSH), erano associati a diminuzioni di Fibrillazione Atriale.

L’ipotiroidismo congenito è risultato associato a un ridotto rischio di Fibrillazione Atriale mentre l’ipertiroidismo congenito non è risultato significativamente associato al rischio di insorgenza di Fibrillazione Atriale.

Sempre nello stesso periodo una seconda ricerca portata avanti da Joe-Elie Salem dell’ospedale Pitie-Salpetriere di Parigi ha valutato il possibile legame tra i livelli di tirotropina geneticamente determinati e la Fibrillazione Atriale e ha sottolineato che una crescita dei livelli di tireotropina geneticamente previsto (ipotiroidismo) è associato alla diminuzione delle probabilità di Fibrillazione Atriale.

In conclusione entrambi gli studi (indipendenti tra loro) suggeriscono che ci sia un’effettiva associazione causale tra funzione tiroidea e Fibrillazione Atriale e che ogni variazione della funzione tiroidea geneticamente determinata è un fattori di rischio per l’insorgere della Fibrillazione Atriale anche se rimane ancora da capire l’agente causale specifico nel legame tra tiroide e Fibrillazione Atriale.

Potrebbe interessarti anche...

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E SCREENING DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

MISURAZIONE DELLA PRESSIONE ARTERIOSA E SCREENING DELLA FIBRILLAZIONE ATRIALE

Il prof. Omboni spiega le potenzialità di uno screening sistematico della Fibrillazione Atriale dei soggetti a rischio tramite misurazione automatica della pressione

Leggi l'articolo
COME RILEVARE UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE ASINTOMATICA NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA

COME RILEVARE UNA FIBRILLAZIONE ATRIALE ASINTOMATICA NELLO STUDIO DEL MEDICO DI FAMIGLIA

Una dieta appropriata, la sospensione del fumo di sigarette ed un’attività fisica adeguata costituiscono i pilastri di questo stile di vita salutare, ce lo spiega il Dott. Ermini

Leggi l'articolo
UNO STILE DI VITA SALUTARE È ALLA BASE DELLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

UNO STILE DI VITA SALUTARE È ALLA BASE DELLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Una dieta appropriata, la sospensione del fumo di sigarette ed un’attività fisica adeguata costituiscono i pilastri di questo stile di vita salutare, ce lo spiega il Dott. Ermini

Leggi l'articolo