Magazine ICTUS

L’ictus o stroke è un disturbo neurologico che si verifica quando avviene la rottura (emorragia cerebrale) o l’ostruzione (ischemia) di un’arteria che impedisce l’afflusso del sangue al cervello.
In entrambi i casi si presentano sintomi improvvisi.

Appena si ha un sospetto di ictus, occorre evitare il ‘’fai da te’’ e chiamare subito i soccorsi per un rapido trasporto in ospedale.

La tempestività fa la differenza perché si tratta di una patologia tempo-dipendente: prima si interviene, più cellule si possono salvare, consentendo una migliore ripresa.

F.A.S.T. è l’acronimo appositamente pensato per riconoscere immediatamente i quattro principali sintomi di ‘ictus in corso’ che possono aiutare a guadagnare tempo:

  • F. = Face. Si avverte un intorpidimento improvviso o debolezza del viso e solitamente provoca una smorfia anomala.
  • A. = Arms. Difficoltà o totale impossibilità nel muovere braccia e gambe
  • S.= Speak. Difficoltà nel parlare o nel comprendere il linguaggio.
  • T.=Time. Non esitare, chiama immediatamente i soccorsi.

Il tempo viene classificato in:

  • Tempo di reazione: ridottissimo perché i sintomi compaiono all’improvviso e senza dolore. Riconoscere i segni di un ictus e chiamare immediatamente il numero di emergenza è fondamentale per l’inizio di un trattamento efficace; il ritardo può compromettere irreversibilmente la salute del paziente.
  • Tempo di soccorso: più è breve più aumentano le possibilità di uscirne indenni e senza potenziali danni permanenti. Gli esperti sottolineano l’importanza di intervenire entro la cosiddetta “finestra terapeutica” generalmente è di poche ore dall’insorgenza dei sintomi, nella quale le terapie possono ancora essere efficaci per limitare i danni cerebrali.

L’importanza della prevenzione

In Italia si contano 180mila casi di ictus all’anno, costituendo la prima causa di disabilità negli adulti.
I fattori di rischio per l’ictus si dividono in fattori genetici non modificabili (genere o familiarità) e fattori modificabili come l’inquinamento ambientale, l’ipertensione, il diabete, il fumo, alcol e l’obesità.

Studi medici dimostrano che quasi la metà dei casi accertati potrebbero essere evitati grazie a uno stile di vita più salutare e a controlli mirati dei parametri più importanti come la pressione arteriosa, la fibrillazione atriale e la glicemia, soprattutto nei soggetti a rischio.

La prevenzione assume dunque un ruolo fondamentale.

Sono stati individuati alcuni importanti comportamenti che possono essere adottati nella vita di tutti i giorni per ridurre un potenziale rischio di ICTUS:

  • Smettere di fumare riduce con effetto quasi immediati il rischio di incorrere in un ICTUS. Infatti dopo soli 5 anni da quando si è smesso di fumare, il rischio si riduce al pari di quello di un non fumatore.
  • Seguire una dieta equilibrata ha un grandissimo impatto sulla salute e sul benessere, contribuendo a tenere sotto controllo patologie come diabete, colesterolo alto, ipertensione e sovrappeso.
  • Fare attività fisica regolarmente consente di controllare il peso, abbassare la pressione, ridurre il colesterolo cattivo a favore di quello buono, diminuire i grassi nel sangue e rafforzare i vasi sanguigni

Un ulteriore supporto è dato dalla medicina preventiva che, attraverso test genetici e screening accessibili anche in farmacia, aiuta a determinare il profilo di rischio di ogni persona e a personalizzare la strategia terapeutica. Per far sì che possa essere efficace è necessario:

  • Effettuare con regolarità controlli medici dedicati alla prevenzione cardiovascolare, soprattutto pressione arteriosa, glicemia, colesterolo
  • Seguire scrupolosamente le raccomandazioni del proprio medico soprattutto se si è affetti da fibrillazione atriale

Conclusioni

In conclusione, la tempestività dell’intervento è fondamentale nel trattamento dell’ictus. Reagire tempestivamente riconoscendo i sintomi può fare la differenza per limitare i potenziali danni invalidanti che ne conseguono.

Anche la prevenzione gioca un ruolo determinante ed è necessario, soprattutto per i soggetti a rischio, adottare abitudini che permettano di condurre uno stile di vita sano e consapevole che, affiancato dalla medicina predittiva, contribuisce notevolmente a ridurre i rischi di ictus.

Potrebbe interessarti anche...

LA FIGURA DELL’ELETTROFISIOLOGO E LA FIBRILLAZIONE ATRIALE

LA FIGURA DELL’ELETTROFISIOLOGO E LA FIBRILLAZIONE ATRIALE

L'elettrofisiologo è un cardiologo che si occupa di studiare le disfunzioni elettriche che riguardano il cuore e di interviene sulle aritmie. Come?

Leggi l'articolo
I DATI DELL’ICTUS IN ITALIA

I DATI DELL’ICTUS IN ITALIA

Il 75% dei casi di ictus riguarda persone over 65 ma anche 12mila persone sotto ai 55 anni. Riducendo i fattori di rischio è possibile ritardarne o ridurne l'insorgenza. Come?

Leggi l'articolo
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2022 – #TEMPOPREZIOSO

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2022 – #TEMPOPREZIOSO

La Giornata Mondiale dell'ICTUS 2022 promossa dalla World Stroke Organization è volta a sensibilizzare l'opinione pubblica sui segnali dell'ICTUS e sull'importanza del #tempoprezioso. Scopriamo i consigli

Leggi l'articolo