Magazine Fibrillazione Atriale

Studi scientifici

Per mettere a confronto alcuni fra i metodi di screening della Fibrillazione Atriale attualmente disponibili, le Università di Oxford e di Birmingham, in collaborazione con l’NSH (National Health Service, Sistema Sanitario Inglese), hanno svolto uno studio randomizzato nel quale venivano paragonati 3 metodi:

  • la palpazione del polso,
  • l’ECG a una derivazione
  • il misuratore di pressione arteriosa Microlife AFIB.

I risultati dello studio hanno mostrato un’elevata sensibilità di tutte e tre le metodologie nella diagnosi della Fibrillazione Atriale nella popolazione anziana nello screening primario. I risultati migliori – in termini di specificità – sono stati ottenuti dal misuratore di pressione arteriosa con indicatore di Fibrillazione Atriale Microlife AFIB, confrontato con le altre metodiche analizzate nello studio. Il tasso di falsi positivi è stato del 10%, un valore accettabile per i controlli di routine.

L’accuratezza del misuratore di pressione arteriosa è stata migliore rispetto alla palpazione del polso arterioso.

Questi dati indicano che il misuratore di pressione arteriosa Microlife AFIB può essere impiegato efficacemente nello screening della Fibrillazione Atriale, sia domiciliare sia clinico.

Per quanto riguarda i sistemi di registrazione ECG a una derivazione (Omron e Merlin Wrist), si è osservata una specificità molto variabile, la quale differiva a seconda dello specialista cardiologo che interpretava il tracciato.

36 Kearley K, Selwood M, Van den Bruel A, Thompson M, Mant D, Hobbs FR, Fitzmaurice D, Heneghan C. Triage tests for identifying atrial fibrillation in primary care: a diagnostic accuracy study comparing single-lead ECG and modified BP monitors. BMJ Open. 2014 May 2;4(5):e004565.

Misuratori di pressione a confronto per lo screening della Fibrillazione Atriale

L’algoritmo brevettato Microlife AFIB si differenzia dall’algoritmo IHB (Irregular Heart Beat) per la rilevazione del battito irregolare, utilizzato nella maggioranza dei misuratori della pressione arteriosa in commercio, per la sua capacità di rilevare la Fibrillazione Atriale. L’algoritmo IHB segnala il battito irregolare in presenza di variazioni del ritmo delle pulsazioni superiori del 25% del ritmo cardiaco medio.

L’algoritmo Microlife AFIB invece scarta tutte le variazioni del ritmo al di sopra del 25% e analizza l’irregolarità media degli altri battiti. Se questa irregolarità supera il 5%, viene rilevata una possibile Fibrillazione Atriale e il logo AFIB visualizzato sul display.

Un recente studio pubblicato sull’American Journal of Cardiology ha comparato due sistemi di monitoraggio automatico Microlife AFIB e Omron M6 Comfort.

Nello studio sono stati arruolati 199 pazienti, senza device impiantati, con età superiore a 50 anni, 30 dei quali con storia di Fibrillazione Atriale documentata. I risultati dei due sistemi di monitoraggio si sono dimostrati sensibilmente differenti.

L’algoritmo IHB di Omron ha mostrato una sensibilità del 30% con una specificità del 97% mentre quello AFIB di Microlife ha mostrato una sensibilità del 100% con una specificità del 91%.

Gli autori concludono, pertanto, che i due sistemi analizzati hanno una specificità accettabile, ma che solo il sistema Microlife AFIB ha mostrato una sensibilità sufficientemente alta da essere proposto nella pratica clinica per lo screening dei pazienti a rischio di Fibrillazione Atriale.

Wiesel J, Arbesfeld B, Schechter D. Comparison of the microlife blood pressure monitor with the omron blood pressure monitor for detecting atrial fibrillation. Am J Cardiol 2014;114:1046-8.

La miglior efficacie della misurazione della pressione rispetto al polso nello screening della Fibrillazione Atriale

La tecnologia Microlife AFIB è stata testata per valutarne l’utilità in ambito epidemiologico e su un numero elevato di soggetti in differenti studi, condotti nell’ambito della medicina generale. In questi studi, la metodica si è dimostrata in grado di aumentare sensibilmente l’identificazione di nuovi casi di Fibrillazione Atriale.

In un primo studio condotto a Hull, nel Regno Unito, 15 medici di Medicina Generale hanno utilizzato 80 misuratori con la tecnologia Microlife AFIB per lo screening della Fibrillazione Atriale su un campione di 54.000 persone rappresentativo dei 288.000 residenti, identificando “in circa 6 mesi ” 71 nuovi casi di Fibrillazione Atriale, con un aumento del 44% di nuovi casi. La prevalenza della Fibrillazione Atriale era dello 0,4% negli ambulatori che non utilizzavano la tecnologia AFIB e dello 0,8% in quelli che la utilizzavano: +100%.

Anche in Italia, precisamente a Bologna, è stato effettuato uno studio analogo che ha coinvolto 30 medici di Medicina Generale. In questo studio, l’utilizzo del misuratore della pressione arteriosa con tecnologia Microlife AFIB in 12.294 ipertesi ha permesso di identificare, nell’arco di poco più di 4 mesi, 77 pazienti con Fibrillazione Atriale pari a un’incidenza dello 0,63%, rispetto a 45 casi (0,37%) nei 4 mesi precedenti in cui veniva utilizzato l’approccio tradizionale con la misurazione auscultatoria: +70%.9.

Infine, uno studio condotto a Erewash, nel Regno Unito, che ha sottoposto a screening 5.244 anziani di età 65 anni, ha permesso di diagnosticare 20 nuovi casi di FA, con un aumento del 20% della popolazione di pazienti affetti da FA.

L’efficacia dello screening della FA nel primary care: Microlife AFIB vs POLSO

31 NICE, National Institute for Health and Care Excellence. WatchBP Home A for opportunistically detecting atrial fibrillation during diagnosis and monitoring of hypertension. 2013. https://www.nice.org.uk/guidance/MTG13

39 Ermini, G., et al., Switching from traditional to automatic sphygmomanometer increase opportunistic detection of atrial fibrillation in hypertensive patients. BJMP, 20

L’efficacia del controllo dellaFibrilliazione Atriale domiciliare

Un recente studio ha valutato l’accuratezza e l’attuabilità del misuratore della pressione arteriosa Microlife AFIB, come strumento di screening domiciliare della Fibrillazione Atriale asintomatica, nei pazienti a rischio di ICTUS cardioembolico.

La tecnologia Microlife AFIB è stata confrontata con un monitoraggio elettrocardiografico (event recorder) della durata di un mese. Sono stati inclusi nello studio pazienti con età > 64 anni o con ipertensione, diabete, insufficienza cardiaca congestizia o precedente ICTUS. Su un totale di 160 soggetti arruolati, 139 sono stati inclusi nello studio, a 14 dei quali è stata rilevata la presenza di Fibrillazione Atriale. La tecnologia Microlife AFIB ha dimostrato una sensibilità del 99,2% e una specificità del 92,9% per la rilevazione di Fibrillazione Atriale. In conclusione, il sistema di rilevamento della Fibrillazione Atriale eseguito contestualmente alla misurazione della pressione arteriosa a domicilio è una metodica accurata e può essere utilizzata come screening domiciliare per rilevare la Fibrillazione Atriale e ridurre il rischio di ICTUS.

Potrebbe interessarti anche...

ICTUS ischemico, quando la causa è un’ostruzione delle arterie

ICTUS ischemico, quando la causa è un’ostruzione delle arterie

ICTUS ischemico: cause, fattori di rischio e prevenzione!

Leggi l'articolo
Ipertensione, Fibrillazione Atriale e Coronavirus, una combinazione pericolosa

Ipertensione, Fibrillazione Atriale e Coronavirus, una combinazione pericolosa

Chi soffre di malattie cardiovascolari è più a rischio di sviluppare complicanze da COVID-19

Leggi l'articolo
Donne over 50 e fibrillazione atriale

Donne over 50 e fibrillazione atriale

Attenzione allo stile di vita per prevenire Fibrillazione Atriale e ICTUS Si stima che in Italia più di una donna…

Leggi l'articolo