Magazine ICTUS, Ipertensione Arteriosa, Pressione Arteriosa

COS’E’ LA SINDROME METABOLICA E QUALI SONO I SINTOMI

La Sindrome Metabolica è una condizione caratterizzata dalla contemporanea associazione di diversi fattori di rischio metabolico in uno stesso paziente. Per poter parlare di Sindrome Metabolica devono essere presenti contemporaneamente almeno tre dei seguenti fattori di rischio:

  • Indice di massa grassa è maggiore di 30
  • Ipertensione Arteriosa, pressione arteriosa maggiore o uguale di 140/90 mmHg
  • Colesterolo HDL inferiore a 40 mg/dl nell’uomo o a 50 mg/dl nelle donne
  • Glicemia a digiuno superiore a 110 mg/dl
  • Trigliceridi ematici superiori a 150 mg/dl

Poiché ognuna di queste condizioni, considerate singolarmente, è un fattore di rischio riconosciuto per cuore e vasi sanguigni, la loro combinazione aumenta in modo significativo la probabilità di essere colpiti da problemi cardiaci, ICTUS e altri disturbi vascolari.

La causa scatenante sembra essere quella che viene indicata come insulino-resistenza, cioè la resistenza delle cellule all’insulina. Questo spiega come mai la cosiddetta Sindrome Metabolica corrisponde ad un quadro clinico complesso, determinato dalla presenza simultanea di due o più fattori metabolici la cui combinazione ne aumenta in modo significativo il rischio; infatti emerge che 1 persona su 4 che soffre di Sindrome Metabolica, è a rischio di cardiopatie, di ICTUS ed altre patologie vascolari.. Si stima che in Italia la Sindrome Metabolica colpisca circa tra il 20-25% della popolazione e che interessi quasi la metà degli adulti al di sopra dei 50-60 anni.

Oggi lo sviluppo della sindrome da insulino-resistenza sembra sia attribuibile da un lato all’interazione di fattori genetici, dall’altro all’inattività fisica, a una dieta ad alto contenuto di carboidrati, ad un abuso di alcol e fumo.
Il fattore di rischio più importante è infatti il sovrappeso: ci sono maggiori probabilità di essere colpiti dalla Sindrome Metabolica maggiore è il peso.

COME PREVENIRE LA SINDROME METABOLICA

Non esiste una terapia vera e propria per la Sindrome Metabolica, è per questo che la migliore arma di prevenzione della Sindrome Metabolica è l’adozione di uno stile di vita sano, basato sul mantenimento del peso forma, la pratica regolare di un’attività fisica quotidiana, una dieta equilibrata, un moderato consumo di alcol ed astensione dal fumo che consenta di tenere sotto controllo la Pressione Arteriosa.

Il punto di partenza fondamentale per evitare e prevenire la Sindrome Metabolica è il mantenimento di uno stile di vita e abitudini alimentari sani. Tutte le condizioni che portano alla Sindrome Metabolica trovano beneficio dal calo di peso, mantenuto costante nel tempo, ottenuto tramite controllo calorico ed attività fisica che saranno fondamentali per diminuire la massa grassa e abbassare la Pressione Arteriosa.

Per contrastare la Sindrome Metabolica e per controllare l’aumento di peso sono fondamentali l’attività fisica aerobica e la dieta ipocalorica mentre il fumo, una dieta ricca di carboidrati, l’alcol, le bevande ad alto contenuto di zucchero sono assolutamente da evitare.

1. Esercizio fisico e alimentazione

Combattere la sedentarietà è possibile anche attraverso gesti e accortezze quotidiane. E’ importante aumentare l’esercizio fisico quotidiano come salire le scale, parcheggiare l’auto lontano, scendere a una o due fermate prima se si utilizzano i mezzi pubblici, utilizzare la bicicletta, camminare a ritmo sostenuto, svolgere attività domestiche che implicano movimento. Durante il lavoro, fare piccole soste ogni 20-30 minuti alzandosi dalla sedia e muovendosi per qualche minuto. Le attività più indicate sono passeggiate, jogging, bicicletta, camminate in acqua, trekking leggero per circa 30-45 minuti al giorno.

Per quanto riguarda l’alimentazione è importante mangiare solo il necessario, riconoscendo la fame nervosa. La dieta iniziale deve essere mirata al proprio fabbisogno energetico, con una riduzione iniziale di 300-500 calorie giornaliere che può arrivare a 1000 categorie per l’Obesità grave con Indice di Massa Corporea peso/altezza superiore a 35 kg/m2).

Per il raggiungimento e il mantenimento di una condizione metabolica ottimale è fondamentale ridurre il consumo di sodio, aumentare l’apporto di frutta e verdura (4-5 porzioni al giorno), ridurre la quantità di grassi alimentari, soprattutto saturi (quelli contenuti nella carne rossa, nel burro e nei formaggi grassi). Bere almeno 1,5 litri di acqua al giorno, condire le pietanze con olio extravergine d’oliva, mangiare 2-3 noci tutti i giorni.

2. Pesarsi una volta a settimana, conoscere il proprio BMI e non solo!

Dimagrire significa portare l’Indice di Massa Corporea (il rapporto tra il peso, in Kg, e il quadrato dell’altezza, espressa in m) sotto 25. Ma non solo!

Attraverso l’utilizzo di bilance idonee e specifiche per monitoraggio della composizione corporea si è in grado di stimare il proprio stato di salute.

Grasso corporeo

La massa grassa complessiva del corpo viene calcolata sommando il grasso essenziale (primario) al grasso di deposito (riserva). Il grasso essenziale è necessario per il metabolismo e parte del grasso di deposito, che in teoria è in eccedenza, è necessario a chi pratica attività fisica.

Per gli uomini la percentuale di grasso corporeo corretta è compresa tra 17-26%, mentre per le donne tra 22-31 % ed aumenta con l’età.

Acqua corporea

La percentuale di acqua che compone il nostro corpo è un indice importante del benessere generale di una persona, poiché l’acqua è la più importante componente del nostro corpo. Ricerche scientifiche dimostrano come il 57% di acqua nel nostro corpo sia la percentuale ottimale. Le donne che normalmente più tessuto adiposo rispetto agli uomini, hanno una percentuale di acqua di circa 55-58%, mentre gli uomini di circa 60-62%. Una percentuale inferiore al 40% viene considerata troppo bassa, così come al di sopra del 70% è troppo alta.

Massa muscolare

La massa muscolare è importante per determinare la composizione corporea di una persona in salute.  Una persona che abbia una elevata percentuale di massa muscolare avrà meno difficoltà a muoversi, ma avrà anche bisogno di maggior energia per farlo.

L’esercizio fisico è fondamentale per mantenersi in forma e la percentuale della massa muscolare è un efficace indice per controllarla. La percentuale di massa muscolare nel peso corporeo è compresa tra 38-58% per gli uomini e tra 28-39% per le donne a seconda dell’età e dell’attività fisica esercitata.

Massa ossea

La massa ossea aumenta rapidamente nell’infanzia e raggiunge il suo massimo tra i 30 e i 40 anni. Diminuisce leggermente in seguito con l’aumentare dell’età. Una corretta alimentazione ed un regolare esercizio fisico che preveda anche l’aumento della massa muscolare possono aiutare a ridurre i processi degenerativi delle ossa. La massa ossea media di un adulto è del 15% per gli uomini e del 12% per le donne.

Indice di massa corporea (BMI)

L’Indice di Massa Corporea è un indice di peso-per-altezza usato comunemente per classificare il sovrappeso e l’Obesità negli adulti. Viene calcolato dividendo il peso corporeo in chilogrammi (kg) per il quadrato dell’altezza in metri di una persona.
La classificazione dell’Indice di Massa Corporea dell’Organizzazione Mondiale della Sanità è il seguente:
• Sovrappeso: superiore a 24.99 kg/m2
• Obeso: superiore a 29.99 kg/m2

Tasso metabolico basale (BMR)

Il Tasso Metabolico Basale espresso in chilocalorie è la quantità di energia necessaria all’organismo, in condizione di completo riposo, per mantenere le proprie funzioni vitali. Circa il 70% del dispendio energetico del corpo è dovuto ai processi vitali degli organi. Circa il 20% del dispendio energetico deriva dall’attività fisica ed un ulteriore 10% dal processo digestivo. E’ possibile fare una stima attraverso un’equazione, usando il sesso, l’età l’altezza ed il peso.

3. Monitorare la Pressione Arteriosa

In caso di Pressione alta o Ipertensione invece abbiamo forti sollecitazioni ai vasi sanguigni, che a lungo andare rischiano di rompersi generando un ICTUS. La Pressione Arteriosa alta è una condizione predisponente per molte malattie gravi come ICTUS e infarto e non va sottovalutata. Non è facile prevenirla perché i fattori che la causano sono parecchi e spesso combinati tra loro, ma qualcosa si può fare. Si può agire sui fattori di rischio modificabili, cercando di ridurli il più possibile. Ovviamente l’età e la predisposizione genetica sono fattori non modificabili, ma alimentazione e stile di vita possono essere cambiati anche rapidamente.

Soprattutto dopo i 65 anni di età è importante misurare regolarmente la Pressione a casa, attraverso l’utilizzo di misuratori di Pressione specificatamente validati. Monitorare la Pressione permette di individuare fin da subito un’eventuale Ipertensione e di agire rapidamente attraverso una cura, sia farmacologica che di modifiche allo stile di vita e all’alimentazione. Ovviamente in caso di diagnosi di Ipertensione sarà importante seguire alla lettera i consigli del proprio medico curante.

IMPARIAMO A VOLERCI BENE!

La Sindrome Metabolica, la Pressione alta e l’incremento di peso aumentano il rischio di malattie cardiovascolari e ICTUS! Segui uno stile di vita sano e non sedentario, una dieta bilanciata e controlla regolarmente:

Pressione Arteriosa
• Peso
• Massa Grassa

I dispositivi Microlife sono stati specificatamente studiati da esperti per la prevenzione della Sindrome Metabolica.

Il misuratore MAM Easy è semplice da utilizzare ed è stato scientificamente validato anche per pazienti particolari come i diabetici e gli obesi. Effettua 3 misurazioni automaticamente, calcolandone la media, come suggerito dalle linee guida.

La bilancia Microlife WS 80N, oltre alla misurazione del peso, tiene sotto controllo anche la Massa Grassa, l’Indice di Massa Corporea (BMI), il Tasso Metabolico Basale (BMR) e molto altro..!

Potrebbe interessarti anche...

LE RACCOMANDAZIONI DELLE ULTIME LINEE GUIDA EUROPEE SULLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

LE RACCOMANDAZIONI DELLE ULTIME LINEE GUIDA EUROPEE SULLA PREVENZIONE DELLE MALATTIE CARDIOVASCOLARI

Le linee guida europee per la prevenzione delle malattie cardiovascolari spiegate dal dott. Ermini

Leggi l'articolo
PRESSIONE ALTA E FREDDO… È VERO CHE IL FREDDO FA SALIRE LA PRESSIONE?

PRESSIONE ALTA E FREDDO… È VERO CHE IL FREDDO FA SALIRE LA PRESSIONE?

Il freddo causa un restringimento dei vasi arteriosi e di conseguenza può provocare un aumento dei valori della pressione

Leggi l'articolo
GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2021

GIORNATA MONDIALE CONTRO L’ICTUS 2021

Il 29 Ottobre 2021 sarà il World Stroke Day, ovvero la Giornata Mondiale contro l’ICTUS. Questa giornata ha l’obiettivo di aumentare la consapevolezza sull’ICTUS e di sensibilizzare sulla prevenzione

Leggi l'articolo